Al Bagatti Valsecchi un mese di incontri per parlare d’arte

Nuove Voci, il ciclo di appuntamenti del Museo Bagatti Valsecchi,  giunge alla settima edizione; organizzato sotto l’egida dell’Università degli Studi di Milano, dal 13 al 26 marzo si svilupperanno tre appuntamenti con cadenza settimanale. Studenti del Dipartimento di beni culturali per la prima volta presenteranno al pubblico gli esiti delle proprie ricerche accademiche, al di fuori delle aule universitarie.

La serie di incontri di Nuove Voci ribadisce ancora una volta l’impegno del Museo Bagatti Valsecchi nell’ambito della ricerca e della valorizzazione culturale, che se da un lato rafforza il legame con l’istituzione universitaria, dall’altro testimonia l’investimento sulle giovani eccellenze che hanno la grande opportunità di esporre al di fuori della sfera universitaria il frutto dei loro studi.

Attraverso la voce di Agostino Allegri, introdotto da Giovanni Agosti con il quale si è laureato recentemente, il primo incontro sarà dedicato al lavoro di Gaudenzio Ferrari, in particolare al ciclo pittorico realizzato per la chiesa di Santa Maria della Pace in via San Barnaba a Milano. Il racconto della vicenda, di cui Allegri ipotizza una ricostruzione, ha origine con la realizzazione di un ciclo di pitture da parte di Gaudenzio Ferrari che, dopo la soppressione della chiesa nel 1805, vengono staccate in molte porzioni per poi approdare alla Pinacoteca di Brera, o perdersi nei meandri del collezionismo privato.

A seguire Giulia Ghezzi, presentata da Rossana Sacchi e laureata in Storia e Critica dell’Arte nell’aprile 2017, racconterà l’affascinante storia di Federico Agnelli, incisore e capostipite di una famiglia di tipografi con bottega nella Milano del XVII secolo: ancora infiammata dalla rigorosa spiritualità della Controriforma, la città divenne sfondo di alcune delle manifestazioni più emblematiche dell’età barocca. Testimone di questi avvenimenti, Federico Agnelli (1626-1702), seppe darne una efficace traduzione visiva, in immagini e testi, andando incontro ai gusti più eterogenei del pubblico letterato e intercettando le novità più originali, divenendo oggi testimonianze di quei tempi.

tiberino trobaso 2

Il 26 marzo il ciclo si concluderà con l’intervento di Stefano Martinella, presentato da Jacopo Stoppa e iscritto al dottorato di ricerca in Scienze del patrimonio letterario, artistico e ambientale, sulla scultura lignea di Cinque e Seicento nel passaggio dal manierismo all’età barocca, con particolare attenzione a cori e tabernacoli lignei nel Verbano. Per rispondere alle norme dalla Controriforma in materia di arredo delle chiese, si assiste ad un fiorire di commissioni di altari e apparati lignei, affidati prima ad artisti provenienti da Milano e in seguito a maestranze locali. L’aggiornamento sul linguaggio manierista e poi barocco è continuo, al punto che in alcuni casi i manufatti sono sostituiti pochi decenni dopo da nuove opere più aggiornate. Tra i pochi esemplari sopravvissuti, quelli di Bartolomeo Tiberino testimoniano ancora oggi l’altissimo livello raggiunto dall’arte dell’intaglio ligneo nella prima metà del Seicento

 

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero fino a esaurimento posti.

Il programma
 12 marzo, ore 18,30
Agostino Allegri
Gaudenzio Ferrari in Santa Maria della Pace a Milano (1541 – 1543)
Introduce Giovanni Agosti

19 marzo, ore 18,30
Giulia Ghezzi
Federico Agnelli. Un incisore e tipografo «d’ingegno svegliato» nella Milano barocca
Introduce Rossana Sacchi

26 marzo, ore 18,30
Stefano Martinella
Cori e tabernacoli lignei nel Verbano tra Cinque e Seicento
Introduce Jacopo Stoppa
Museo Bagatti Valsecchi
Via Gesù 5 –  Milano
02 76006132
www.museobagattivalsecchi.org

Commenti?