Domenica 15 Giornata FAI: quante cose da scoprire!

Torna domenica 15 la giornata del Fai. Un’Italia da scoprire, che solitamente non è visitabile ma che si apre straordinariamente in questa occasione Soffermare l’attenzione sulla piazza che attraversiamo per andare al lavoro o conoscere come vivevano i proprietari dell’elegante villa che scorgiamo dal balcone di casa. Sono modi diversi di scoprire la nostra città da punti di vista nuovi e il FAI – Fondo Ambiente Italiano ci invita a rinnovare il nostro sguardo sull’Italia partecipando, domenica 15 ottobre 2017, alla Giornata FAI d’Autunno, realizzata dai Gruppi FAI Giovani a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, attiva dal 1° al 31 ottobre. Per l’occasione 3.500 volontari accompagneranno gli italiani alla scoperta di 600 luoghi inaccessibili o poco valorizzati, legati da una tematica comune – la musica, l’acqua, le tradizioni artigiane locali, il panorama urbano dall’alto, gli spazi dedicati all’amore sacro e a quello profano… – e raccontati da una prospettiva insolita.

Circa 180 itinerari tematici in altrettante città connetteranno, come un fil rouge da seguire liberamente, l’apertura di palazzi, chiese, castelli, parchi, teatri, architetture industriali in trasformazione, ma anche interi quartieri e borghi. All’accesso di ogni bene sarà richiesto un contributo facoltativo, preferibilmente da 2 a 5 euro, a sostegno dell’attività della Fondazione. Per gli iscritti FAI e per chi si iscriverà per la prima volta durante l’evento – a questi ultimi sarà dedicata eccezionalmente la quota agevolata di 29 euro anziché 39 – saranno riservate aperture straordinarie, accessi prioritari, attività ed eventi speciali in molte città. La quota agevolata varrà anche per chi si iscriverà per la prima volta tramite il sito www.fondoambiente.it durante tutto il mese di ottobre.

SEGRATE (MI) Palazzo Mondadori

SEGRATE (MI) Palazzo Mondadori

Bologna, Teatro Comunale

Bologna, Teatro Comunale

Tra gli itinerari tematici e i luoghi più interessanti:

* a Roma si salirà sulla terrazza più bella della città, in un percorso da via della Lungara sul Tevere alla sommità del Gianicolo, alla scoperta di collezioni botaniche, storiche residenze e parchi creati in questa zona per l’abbondante presenza di acqua e il panoramico affaccio sul fiume. Da Villa Aurelia, sede dell’Accademia americana, ai Giardini di Villa Farnesina e all’Orto botanico; da Palazzo Corsini, che ospita la sede dell’Accademia dei Lincei e di cui si potranno visitare gli appartamenti privati, solitamente inaccessibili, al complesso conventuale di San Pietro in Montorio, sede dell’Accademia di Spagna, che custodisce un tempietto realizzato dal Bramante all’inizio del Cinquecento;
* a Napoli l’itinerario svelerà il passato di Piazza Mercato – teatro di alcuni momenti fondamentali della storia della città tra cui la rivolta di Masaniello nel Seicento – e il suo presente, che vede l’area al centro di un progetto di riqualificazione UNESCO. Oltre alla Basilica Santuario del Carmine Maggiore, ingresso dedicato ai soli iscritti FAI, tra i massimi esempi del barocco napoletano, aprirà la Sartoria teatrale Canzanella, la più antica della città, e si raggiungerà Borgo Orefici, dove sono concentrate le storiche botteghe specializzate nella lavorazione artigianale di prodotti di oreficeria, argenteria e gioielleria;
* a Milano il tema delle aperture è dedicato alle biblioteche e archivi storici. Si potrà entrare nell’Archivio Capitolare di Sant’Ambrogio, ma si potrà anche salire nella Torre Hadid, uno dei tre grattacieli al centro del progetto CityLife per la riqualificazione della zona dell’ex Fiera. Ideato dall’architetto Zaha Hadid, l’edificio ospita gli uffici del Gruppo Generali ed è soprannominato “lo Storto” per la caratteristica torsione della struttura. Si visiterà anche un altro grande classico dell’architettura internazionale con l’apertura straordinaria di Palazzo Mondadori a Segrate, tra le maggiori creazioni dell’architetto brasiliano Oscar Niemeyer;

* a Venezia un itinerario per scoprire luoghi che non fanno parte delle mete classiche: nel quartiere Castello, primo nucleo della città, aprirà l’Arsenale con la Torre di Porta Nuova, che normalmente è visitabile solo su appuntamento, e la Basilica di San Pietro di Castello, mentre a Cannaregio il Complesso del Pio Loco delle Penitenti nato nel 1703 per accogliere le prostitute;
* a Catania si passeggerà “sui tetti e tra le nuvole” per ammirare il centro storico da una prospettiva inedita: dalle terrazze della Chiesa della Badia di Sant’Agata, dove le monache osservavano la vita della città e assistevano alle processioni, alla Chiesa di Sant’Agata la Vetere, ingresso dedicato ai soli iscritti FAI, con la visita al campanile e alla cripta con i colatoi per la mummificazione dei cadaveri, fino ai camminamenti di gronda dell’imponente cupola della Chiesa di San Nicolò l’Arena;
* a Bologna il filo conduttore dell’itinerario sarà la musica, che da secoli pervade il capoluogo emiliano, i suoi storici edifici e i suoi giardini. Tra le aperture più interessanti, il Teatro Comunale, ingresso dedicato ai soli iscritti FAI. Costruito su progetto di Antonio Galli da Bibiena e inaugurato nel 1763, il teatro venne dotato di un inconsueto sotto platea, dove è stata collocata una macchina a pantografo che serviva a sollevare e abbassare l’intero spazio.

E inoltre:

* una passeggiata dal borgo di Riomaggiore (SP), dove si potrà entrare nella Torre Guardiola, fino a Manarola per scoprire i terrazzamenti e i muretti a secco caratteristici delle Cinque Terre;
* un salto indietro nella storia di due millenni a Venosa (PZ) sulle tracce della colonia latina Venusia, fondata nel 219 a.C. di cui si conservano le terme e l’anfiteatro, del I secolo d.C. Accanto ai resti romani, si trova l’Abbazia della Santissima Trinità, costruita nell’XI secolo su un nucleo paleocristiano e composta dalla chiesa vecchia e dalla Incompiuta, un ampliamento dell’edificio originario progettato nel XII secolo e mai concluso;
* ad Altavilla Irpinia (AV) si potrà esplorare la miniera di zolfo SAIM e lo stabilimento in cui dal 1868 al 1983 veniva lavorato il minerale estratto con gli strumenti utilizzati per la produzione. Sarà dedicato ai soli iscritti FAI l’incontro con un anziano minatore del posto per ascoltarne in esclusiva la testimonianza;
* a Fuscaldo (CS) si ripercorrerà la storia della cittadina attraverso i suoi magnifici portali, opera della scuola di scalpellini che si affermò in Calabria nel Cinquecento.
IN OCCASIONE DELL’EVENTO SPECIALI QUOTE DI ISCRIZIONE AL FAI
Domenica 15 ottobre in piazza, e durante tutto il mese di ottobre online, ci si potrà iscrivere al FAI con una quota agevolata (meno 10 €), che permette di partecipare alla Giornata FAI d’Autunno da protagonista. Solo gli iscritti al FAI infatti avranno ingressi dedicati in alcuni luoghi e accessi prioritari in tutte le città.
L’edizione 2017 di Giornata FAI d’Autunno è possibile grazie al contributo di CityLife, per il secondo anno sponsor dell’iniziativa per la Regione Lombardia, di Gruppo Hera, una delle principali multiutility italiane che eroga servizi ambientali, idrici ed energetici in oltre 350 Comuni del centro-nord Italia che sarà al fianco della Fondazione in qualità di sponsor per la città di Bologna e di DHL Express Italia, che come logistic partner, garantirà la movimentazione di tutti i materiali durante l’evento.

Con il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e di Responsabilità Sociale Rai.

Grazie a Province, Comuni, Soprintendenze, Università, Enti Religiosi, Istituzioni Pubbliche e Private, ai privati cittadini e a tutte le aziende che hanno voluto appoggiare la Fondazione, oltre alle 120 Delegazioni, 92 Gruppi FAI e 86 Gruppi FAI Giovani, e alle migliaia di volontari che con il loro lavoro capillare e la loro collaborazione rendono possibile l’evento.

 

 

GIORNATA FAI D’AUTUNNO
Visite a contributo in 600 luoghi speciali e poco conosciuti
a cura dei Gruppi FAI Giovani
Domenica 15 ottobre 2017
180 itinerari tematici straordinari in tutta Italia
Napoli, Milano, Roma, Catania, Venezia, Bologna…

www.giornatefai.it
www.fondoambiente.it
tel. 02 467615399

 

Commenti?