Tutto quello che c’è #danonperdere alla Bologna Design Week

È scattata la Bologna Design Week che per la sua terza edizione presenta 150 partecipanti, 30.000 design guide distribuite, tra Fiera e centro città, oltre 150 eventi, 40 mostre, 20 tra workshop, premiazioni di contest, design talk e convegni, disseminati in palazzi storici, musei, gallerie d’arte e showroom e in 5 main location:

Palazzo Isolani (Info e Press point);
Ex Ospedale dei Bastardini (Info e Press point);
Galleria Cavour;
Palazzo Pepoli Campogrande – Pinacoteca Nazionale di Bologna;
Chiesa sconsacrata di Santa Maria della Neve.


Gli eventi, alcuni dei quali hanno già inaugurato in anteprima, si svolgeranno dal 26 al 30 settembre, in partnership con Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno:

– “Scatto Libero. Dino Gavina 10”, la mostra prodotta da Bologna Design Week e sostenuta dal Gruppo Hera, a cura di Elena Brigi e Daniele Vincenzi, Palazzo Pepoli Campogrande – Pinacoteca Nazionale di Bologna, Via Castiglione 7 – fino all’1 ottobre;
– “Food Art Week”, l’iniziativa berlinese, a cura di Tainá Guedes di Entretempo Kitchen Gallery, approda a Bologna, in collaborazione con Kilowatt, presso Le Serre dei Giardini Margherita – fino al 29 settembre;
– “Racconto privato – il design dell’Imperfetto”, mostra di Erich e Verter Turroni (ImperfettoLab), 
a cura di Claudia Cocchi, Le Torri dell’Acqua, Via Benni 1, Budrio – fino al 22 ottobre;
La settimana del design prevede numerosi appuntamenti, tra cui:
– a Palazzo Isolani l’anteprima della mostra “L’originale è VITRA”, “perché chi ama il design sostiene l’originale. È un investimento che ci accompagna per la vita e, magari, accompagna anche le generazioni future”, Sala dei Senatori; e l’allestimento dell’architetto Sara Simoska, vincitrice del contest “Temporary Living Space”, realizzato da BDW in collaborazione con Molteni&C|Dada, Salone del Settecento;

Palazzo Isolani ospiterà, inoltre, all’interno delle sue sale, una selezione di aziende e designer – fra cui Arkeo Industriale (“Imperfetto onirico”), Insidesign Studiostore (“Casa e Chiesa”), Lema Space by Arredamenti Matteuzzi, Rou Materiaal e Chiara Ravaioli (“Mutazioni”), Riccardo Boni (“Grimilde”), Tecnotelai (“Naturali trasparenze by UNICA”), Valmori Ceramica Design (“VisionnAir”), Vetreria Bazzanese (“VB Colors”), Vittorio Martini 1866 (“L’importanza di chiamarsi Martini. Oltre 150 anni di misura e ironia”) – con installazioni inedite; mentre nel cortile esterno la progettazione de “I luoghi dell’alchimia” sarà a cura di Corradi outdoor living space, in collaborazione con Manutti.

Completa il percorso sotto la loggia del palazzo l’allestimento di Space Interiors e il plastico dell’ampliamento della sede di Fondazione Golinelli, il nuovo Centro Arti e Scienze Golinelli, a firma di Mario Cucinella Architects, che inaugurerà nei giorni successivi a Bologna Design Week;
– all’ex Ospedale dei Bastardini, opening con la premiazione del contest fotografico “Cathedrals of Light”, organizzato da Paolo Castelli S.p.A.: 20 scatti finalisti, selezionati da una giuria prestigiosa, in una esposizione che racconta Bologna attraverso uno sguardo inedito, interrogandosi sulle possibili interazioni, convergenze e dissonanze tra luce, vita e architettura.

Gli spazi dal fascino dell’incompiuto dell’ex Ospedale saranno trasformati da scenografici allestimenti realizzati da brand e progettisti – “Ceramic Light” di Massimo Iosa Ghini per il Gruppo Ceramiche Ricchetti, “Cathedrals of Light” di Paolo Castelli S.p.A., “Non Ordinary Object. The hidden side of design” di Geberit e Pozzi-Ginori, “Percorsi” di Ornamenta Gamma Due, “Analyzing Optimism. All the shapes of well-being” di Tosilab, le sedute di Castelli 2014 S.r.l., oltre che da una ventina di designer italiani e stranieri;
– la Design talk lounge, con la mostra “Marketing Design Napoli&Bologna. Storie di invenzioni e successi”, a cura di Alessandra Contegno e Giovanna Saccone, accoglierà più di 20 tra workshop, tavole rotonde e convegni, tra cui:

Giovedì 28 ore 18:30 “Futuri possibili”, a cura di Flaviano Celaschi, Elena Formia e Ines Tolic. Presentazione di ZoneModa Journal 6;
Venerdì 29 ore 17:00 “L’Esprit Nouveau e Le Corbusier: chi sono costoro?”, a cura dell’architetto Giuliano Gresleri
Sabato 30 ore 18:00 Premiazione del contest Jose Cuervo.
Nella corte dell’ex Ospedale dei Bastardini saranno presenti: il BDW Cocktail bar Good Vibes, la seduta-scultura “Canoa” di ImperfettoLab, gli arredi outdoor Latifolia per Serralunga, Aquaspecial con il modulo “Restore – Bagno Turco” disegnato da Simone Micheli, l’installazione “Sogno di una notte di mezza estate” del Laboratorio di Design del prodotto, Università della Repubblica di San Marino, e, all’ingresso, l’Info e Press point con Essse Caffè, 24Bottles, Lalo e le atmosfere di Flò Fiori.

Nella chiesa sconsacrata di Santa Maria della Neve di Vicolo della Neve 5, Insidesign Studiostore partecipa alla settimana di Cersaie e BDW 2017 con un nutrito programma di eventi pomeridiani, fino al 29 settembre, durante i quali si approfondiranno temi quali digital architecture, cinema, contaminazione tra fashion 

e architettura attraverso l’intervento di artisti, esperti professionisti, e blogger:
Mercoledì 27 ore 18:00 “Digital workshop: nuove tecnologie applicate al mondo dell’architettura e del design”.
Interviene: Camilla Bellini;

Giovedì 28 ore 18:00 “Casa e Chiesa night event”;
Venerdì 29 ore 18:00 “Tutti i sensi del progetto”, in collaborazione con Rexa Design. Interviene: Monica Graffeo.
– opening “Exhibit LAB”: in mostra i concept e prototipi, esito dei laboratori progettuali dei corsi di laurea triennale in Design del prodotto industriale e magistrale in Advanced Design dell’Università di Bologna, Urban Center Bologna, Sala Borsa, Piazza del Nettuno 3; 

– opening “Design di relazione”: una mostra che raccoglie i lavori degli studenti dei corsi di laurea triennale e magistrale dell’Università di Design della Repubblica di San Marino (Unirsm) sul tema delle relazioni che si possono creare tra il design e le comunità, l’azienda, lo spazio pubblico e il mondo virtuale e dell’interattività, Urban Center Bologna, Sala Borsa, Piazza del Nettuno 3;

– opening “UBIQ design for a moving life”, a cura di Maurizio Corrado, con la collaborazione di Danilo Danisi e Roberto Semprini: oggetti, modelli, abiti, video degli allievi dei corsi di Design di Prodotto, Design Grafico e di Fashion Design dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, Via delle Belle Arti 54;

– opening IAAD, con la mostra “Up to Now. Fabrica Photography”, a cura di Fabrica, centro di ricerca sulla comunicazione di Benetton Group, immersi negli spazi dal fascino industriale risalente ai primi anni 

del Novecento, nuova sede bolognese dell’Università Italiana per il Design, Loft Be20, Via J. Barozzi 3;

– “Carlo Bonfà. Il gioco dell’arte”, presentazione della nuova collezione di tazzine Essse disegnata dall’artista, Essse Caffè Store, Via Galliera, 18/b;

– “Fashion Food – Apéritif Lounge”, iQOS Experience, intervento di food design dello chef Michele Cocchi all’interno delle sale affrescate di Palazzo Vassè Pietramellara, attraversando l’iQOS™ Embassy, concept store di design, innovazione tecnologica e sostenibilità, produzione MStudio, contenuti e ideazione evento 

a cura di Sonia Menichetti, Galleria Cavour 1 e 9;
– “Counterbalance: the design poetry of Angelo Mangiarotti”, Dimore e Agapecasa, Via Farini 33/a;
– “DOMPTAGE”, mostra fotografica di Lorenzo Piano, Africa Design, Via delle Belle Arti 11/a;
– “Spazio Esperienze – Davide Groppi”: inaugura il nuovo spazio a Bologna, un luogo pensato come un teatro, in cui creare nuovi mondi possibili e inconsueti attraverso i “Percorsi Luminosi” di Davide Groppi,  

Via dell’Inferno 16/b.
Giovedì 28 settembre 
– “Casa e Chiesa”, workshop e cocktail evento, a cura di Insidesign Studiostore, chiesa sconsacrata 
di Santa Maria della Neve, Vicolo della Neve 7; 
– “Riga Bags” e “Un Sedicesimo 44”, due progetti a colori di Lorenzo Bravi, Corraini MAMbo, 
Via Don Minzoni 14
– presentazione di ZoneModa Journal 6 – Futuri possibili, a cura di Flaviano Celaschi, Elena Formia e Ines Tolic; 
– cocktail event presso Emporio Armani Caffè e Ristorante, Galleria Cavour, 1/v;
Venerdì 29 settembre
– “L’Esprit Nouveau e Le Corbusier: chi sono costoro?”: incontro a cura dell’architetto Giuliano Gresleri, ex Ospedale dei Bastardini; 
– opening Museo del Tessuto e della Tappezzeria “Vittorio Zironi”, Villa Spada, Via di Casaglia 3;
Sabato 30 settembre
– “FutureDesignEd”, Simposio internazionale sui processi formativi design based, curato da Flaviano Celaschi, Elena Formia e Omar Vulpinari, e ospitato da Fondazione Golinelli, Opificio Golinelli, Via Paolo Nanni Costa 14; 
– “Design & breakfast” negli Info point e nei design store del centro;
– workshop, in collaborazione con FRUIT exhibition; 
– premiazione del contest grafico promosso da Jose Cuervo, ex Ospedale dei Bastardini, Via M. D’Azeglio 41; 
– Closing party di Bologna Design Week 2017, all’interno del Foyer Respighi, in collaborazione con il Teatro Comunale e Kong, Teatro Comunale di Bologna, Largo Respighi 1.

Bologna Design Week
dal 26 al 30 settembre 2017
Quartiere Fieristico di Bologna
#BolognaDesignWeek
Twitter: @BolognaDesign

Commenti?