Una settimana di passione per la fotografia: è la Milano Photo Week

Fino al prossimo 11 giugno a Milano, mostre fotografiche per tutta la città. È questo lo spirito che anima la prima Milano PhotoWeek, la  nuova  iniziativa  diffusa  voluta  dal  Comune  di  Milano  per  promuovere  e  valorizzare lafotografia in  tutte le  sue  espressioni  e  utilizzi.  E in  tale  concomitanza il  Comitato  organizzatore ha  voluto dedicare  questa  edizione  proprio  a Milano,  con un  titolo  – “ Realtà  e  futuro. Da  Milano  al  mondo”   –  che intende  dare  risalto  all’appeal  di  una  città  sempre  più  vitale,  aperta al  cambiamento,  alla  voglia  di sperimentare e di innovare.

In occasione della prima edizione della Milano PhotoWeek (5-11 Giugno 2017), verranno inaugurate 17 mostre fotografiche. In particolare, il 5 giugno a partire dalle ore 18 avranno luogo i vernissage di Palazzo Bovara e Palazzo Castiglioni di Confcommercio Milano, due dei quattro storici Palazzi della Fotografia presenti nel calendario espositivo di Photofestival.

A Palazzo Bovara in esposizione la personale di Giulio Di MeoExpress your art/Tour Italia 2016, estratto, con alcuni inediti, dalla mostra collettiva Faema Express Your Art finanziata da Faema per raccontare i luoghi di consumo del caffè nel mondo. La ricerca dell’umanità nelle strade e nell’architettura urbana tra Italia e Repubblica Ceca; la percezione della coscienza della natura; la ricerca delle corrispondenze attraverso l’architettura; la destrutturazione di un luogo reso con il bianco: queste le tematiche delle quattro mostre ospitate presso Palazzo Castiglioni.

Il 6 giugno a partire dalle ore 18.30 avrà luogo l’inaugurazione della mostra del fotografo Angelo Mereu in esposizione presso Istituto Italiano di Fotografia: “Oltre l’immagine”. La mostra è suddivisa in tre sezioni e seguendo l’evoluzione della tecnologia che offriva strumenti sempre più adeguati, questa personale inizia con immagini stampate su carte elaborate per sopperire alla bassa definizione dei primi scatti, prosegue con opere di pregevole qualità realizzate in tempi più recenti per concludersi con le spettacolari fotografie ottenute con il nuovo smartphone ASUS ZenFone Zoom S.

Stefania Ricci Natura cosciente - papavero - in mostra a Palazzo Castiglioni

Stefania Ricci Natura cosciente – papavero – in mostra a Palazzo Castiglioni

Ecco due parole sulle singole mostre.

CONFCOMMERCIO MILANO – PALAZZO BOVARA
Corso Venezia, 51 – Milano
Inaugurazione 5 giugno h 18.00 – in mostra fino al 14 giugno – lun/ven 8.30-18

Giulio Di Meo, Express your Art
Direzione artistica EyesOpen! Magazine: Barbara
Silbe, Manuela Cigliutti

Coordinamento Gruppo Cimbali: Barbara Foglia, Lisa Codarri

Giulio Di Meo affronta temi sociali usando la fotografia come mezzo di divulgazione, denuncia, cambiamento. Coinvolto lo scorso anno nel vasto progetto Express Your Art finanziato da Faema, ha percorso la Penisola e raccontato il mondo del caffè visitando locali storici a Torino, pasticcerie a Milano, luoghi alla moda a Rimini, tradizionali a Matera, tipici a Bari: microcosmi dove passano attimi delle nostre vite. Nelle sue inquadrature cariche di dettagli e umanità interpreta il brand e si concentra sull’abitudine a noi più cara: la tazzulella ’e cafè.

CONFCOMMERCIO MILANO – PALAZZO CASTIGLIONI
Corso Venezia, 47 – Milano
Inaugurazione 5 giugno h 18.30 – in mostra fino al 14 giugno – lun/ven 8.30-18 

Pavel Kopp, Le Parallele

Kopp, fotografo ceco, ha lavorato in Italia dedicandosi alla fotografia di strada. Attirato dall’umanità delle strade, che definisce “un palcoscenico sempre vivo”, Kopp documenta dal 1967 la vita con uno sguardo attento e curioso. Il filtro dovuto alla nazionalità differente rispetto ai soggetti ritratti fa sì che emerga la vitalità delle persone sullo sfondo di un ambiente caratterizzato da storia e monumenti. Senza dimenticare la patria natìa, Kopp propone anche delle analogie di situazioni tra Italia e Repubblica Ceca.

Stefania Ricci, Natura cosciente
a cura di Roberto Mutti

Un fiore delicatissimo si fa attraversare dalla luce e ci si presenta nella purezza delle sue forme, un altro si piega su se stesso creando ombre che insegue in un gioco raffinato di intrecci e rimandi. La natura ci manda messaggi, esprime vitalità, si modifica rapportandosi con quanto la circonda: possiede insomma una particolare, tenace forma di coscienza. Con le sue fotografie lievi ma anche sensuali Stefania Ricci ci aiuta a percepirla e guardare verso l’esterno ma poi anche in noi stessi con una nuova, felice consapevolezza.

Fabrizio Bonfanti, Bicocca
a cura di Manuela Cigliutti e Barbara Silbe

Nella fotografia architettonica non esiste soltanto la contemplazione della geometria, non si ricerca meramente il nitore delle forme fine a se stesso. Il lavoro di un fotografo che fa dell’architettura il suo campo d’osservazione cerca le corrispondenze di cui è pieno il mondo. Così agisce Bonfanti, fotografo dallo sviluppato senso rigoroso ed emotivo. Tenendo bene a mente l’importanza che la struttura architettonica ha all’interno dell’impianto urbanistico, Bonfanti si muove nei luoghi della Bicocca ricercando l’anima degli edifici e l’umanità che li popola e li circonda.

Giuliano Leone, Into the white

Giuliano Leone dedica la sua nuova serie fotografica alla meneghina Piazza del Duomo. Lo fa con un occhio analitico, la destruttura, la concettualizza. La piazza diventa protagonista ed elemento centrale, fatta a pezzi e resa con un bianco accecante. Gli individui non la attraversano, ma in quel bianco fluttuano, sono in  bilico nel vuoto, vengono e vanno da quel colore che è sintesi estrema di tutti i colori.

ISTITUTO ITALIANO DI FOTOGRAFIA
Via Enrico Caviglia, 3 – Milano
Inaugurazione 6 giugno h 18.30 – in mostra fino al 20 giugno – mar/sab h 9-19

Angelo Mereu, Oltre l’Immagine
in collaborazione con ASUS

Fin dal 2002, quando fu il primo fotografo a realizzare una mostra con immagini scattate con un telefonino, Angelo Mereu ha perseguito una ricerca personale, insieme tecnica ed estetica. Suddivisa in tre sezioni e seguendo l’evoluzione della tecnologia che offriva strumenti sempre più adeguati, questa personale inizia con immagini stampate su carte elaborate per sopperire alla bassa definizione dei primi scatti, prosegue con opere di pregevole qualità realizzate in tempi più recenti per concludersi con le spettacolari fotografie ottenente con il più recente smartphone ASUS.

 

Nell’ambito del programma di incontri con autori, presentazione di libri, letture portfoli e proiezioni di Photofestival 2017, è inoltre previsto un calendario di tre appuntamenti presso il Turing Club Italiano per presentare libri fotografici:

TOURING CLUB ITALIANO
Corso Italia, 10 – Milano

MARTEDÌ 6 GIUGNO ORE 18.30
Warum die Zeit? di Roberto Toja

Vent’anni dopo la caduta del muro di Berlino, un viaggio fotografico nella città fuori dagli stereotipi. Immagini in bianco e nero per indagare la realtà urbana e le persone che la animano.

GIOVEDÌ 8 GIUGNO ORE 18.30
Images 2000-2008 di Ewa Mari Johansson

Un percorso dialettico che va dall’architettura al nudo fino alla ricerca naturalistica, dove l’elemento comune è costituito dal rapporto con la superficie, che sia quella della pelle o della roccia.

MERCOLEDÌ 14 GIUGNO ORE 18.30
Riflessi d’inchiostro e di luce di Massimo Cangelli

Una ricerca basata su un susseguirsi di luci e ombre per rappresentare il percorso dell’esistenza umana e per mettere in scena le sfaccettature della realtà.

 

Confermando la sua originale formula – da un lato il Festival accoglie e organizza quanto già la città offre ma soprattutto stimola i diversi operatori a proporre nuove esposizioni, dall’altro promuove e produce numerose mostre – Photofestival consolida il proprio ruolo di evento di assoluto rilievo nel panorama della proposta culturale milanese, capace di concentrare il meglio dell’offerta dedicata alla fotografia nell’arco di due mesi, coinvolgendo un pubblico sempre più ampio.

il programma è disponibile sul sito milanophotofestival.it.

www.milanophotofestival.it
www.facebook.com/photofestivalmilano
@milanophotofestival

Commenti?